Soggettività politica e questione generazionale. A proposito del discorso di Di Maio del 2 marzo

In un mio contributo di più di un anno fa sul libro di di Battista “A testa in su”, cercavo di dare una lettura generazionale del MoVimento 5 Stelle, svincolata cioè da determinismi storici o economici, per evidenziarne il carattere innovativo non solo nei singoli contenuti politici, ma proprio nella forma in cui il conflittoContinua a leggere “Soggettività politica e questione generazionale. A proposito del discorso di Di Maio del 2 marzo”

I terrapiattisti e il loro migliore alleato

Era l’aprile del 1961 quando un giorno il mondo si svegliò incredulo guardando il cielo, all’annuncio che Jurij Gagarin era il primo essere umano che aveva potuto vedere il pianeta Terra dallo spazio. A quell’epoca erano ormai tutti convinti da un pezzo che la Terra fosse tonda. Certo non la sfera perfetta dei mappamondi, ma unaContinua a leggere “I terrapiattisti e il loro migliore alleato”

La più grande collusione politica internazionale della storia

Parlamento Europeo, Strasburgo, 16 novembre 2017 Nigel Farage MEP, UK Independence Party (UKIP), presidente del gruppo Europa della Libertà e Democrazia Diretta (EFDD) al Parlamento europeo http://www.nigelfaragemep.co.uk @Nigel_Farage Dibattito: Paradise papers Dichiarazioni del Consiglio e della Commissione Trascrizione Grazie. Come ha detto all’inizio il signor Moscovici, la fuga di tutti questi documenti, gli elenchi diContinua a leggere “La più grande collusione politica internazionale della storia”

La scelta di campo

Mao Tse-tung, un tempo, disse: “Grande è la confusione sotto il cielo, la situazione è eccellente”. Di confusione a sinistra, di questi tempi, ce n’è in gran quantità e tutte le paturnie all’interno del PD si sono, finalmente, consumate con lo strappo di una scissione dei vari Bersani, Speranza, D’Alema, Errani, Rossi etc. E’ nato un nuovoContinua a leggere “La scelta di campo”

Un viaggio nella sovranità. A proposito di "A testa in su" di Alessandro Di Battista

Questo libro di Alessandro Di Battista, “A testa in su. Investire in felicità per non essere sudditi” (Rizzoli 2016) è innanzitutto una grande conferma. La conferma che è finalmente nata una nuova generazione in Italia, veramente e autenticamente rivoluzionaria, capace di impersonare e affrontare i compiti e le sfide che la nostra società ci impone.Continua a leggere “Un viaggio nella sovranità. A proposito di "A testa in su" di Alessandro Di Battista”

Rita Atria: una grande bambina contro la mafia

“Prima di cominciare a combattere contro la mafia, devi fare un’analisi di coscienza: solo quando avrai sconfitto la mafia in te, potrai combattere quella presente nel tuo gruppo di amici. La mafia infatti siamo noi stessi e il nostro modo sbagliato di comportarci.” Queste parole, pesanti come pietre, provengono dal diario di Rita Atria (1974-92),Continua a leggere “Rita Atria: una grande bambina contro la mafia”

Cerchi o stelle

Il No alle Olimpiadi di Roma del sindaco Virginia Raggi (non mi piegherò mai ad usare il termine sindaca come il boldrinismo dilagante imporrebbe) è una scelta che salva Roma dall’ennesima calamità di un grande evento. Bene ha fatto la Raggi, eletta dai cittadini romani, a sconfessare anche Di Maio che inopportunamente si era intromessoContinua a leggere “Cerchi o stelle”

Ken Follett e la visione labour del mondo

Le ultime vicende elettorali italiane, in particolare la vergognosa percentuale di astensioni al referendum sulle trivellazioni marine, confermano una tendenza al rafforzamento del disinteresse per le vicende politiche che deve suscitare preoccupazione e smuovere le energie di chi è interessato a cambiare questo stato di cose. È giusto sottolineare, secondo me, che il MoVimento 5Continua a leggere “Ken Follett e la visione labour del mondo”

Per una nuova nozione di Cittadinanza. Interiorità, tecnica e gli orizzonti del simbolico

Queste riflessioni, né brevi né semplici, non hanno lo scopo di offrire informazioni o strategie politiche nuove al MoVimento. Si tratta di riflessioni personali che cercano di radicare una determinata scelta politica in uno specifico contesto storico e culturale. Il compenso per la fatica del lettore è forse riuscire a veder convergere fenomeni tra iContinua a leggere “Per una nuova nozione di Cittadinanza. Interiorità, tecnica e gli orizzonti del simbolico”

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito